DSC03155 (1).JPG

Rivedo il velo della Sposa perduta
nel ghiacciaio del Brouillard
con i suoi crepacci sfaldati
che rilasciano spume di inquietudine
come grinze di chiffon
in piena crisi estiva

vorrei ficcare il mio capo
tra quei ghiacci tiepidi
lontano dai rumori
concentrarmi sul suono della terra
che indolente rutila
insensibile alle nostre miserie

Ma so che piangerò ancora nella notte
nel mio letto comodo rivedendo
in quel quadro confuso di Chagall
tutti gli amori
che si spengono impotenti

Lacrime non di dolore
di colpa, di rancore
Ma lacrime di tenerezza
caldo anestetico
per i miei occhi nevrotici

Gli stessi che oggi
tristi ma pieni di vita
mirano le guglie nere di roccia
slanciate verso il cielo terso

e mi figuro un pò più su

 

Veil of the Bride

INV6085.CHAGALL.La-Vie-1000x600.jpg

I see the veil of the lost Bride
in the glacier of Brouillard
with its cleaved crevasses
releasing spume of anxiety
as chiffon wrinkles
in full summer crisis

I would stick my head
in these lukewarm ice
away from the noise
concentrating on the sound of the earth
that shines,  indolent
insensitive to our miseries

But I know I will still cry tonight
in my comfortable bed reviewing
in the confused painting of Chagall
all loves
going out helpless

No tears of sorrow
guilt, resentment
But tears of tenderness
hot anaesthetic
for my neurotic eyes

The same today,
that, sad but full of life
aim to black rock spikes
soaring to terse skies

and I image myself a bit more above