Decentralization had been an essential element in Odo’s plans for the society she did not live to see founded. She had no intention of trying to de-urbanize civilization. Though she suggested that the natural limit to the size of a community lay in its dependence on its own immediate region for essential food and power, she intended that all communities be connected by communication and transportation networks, so that goods and ideas could get where they were wanted, and no community should be cut off from change and interchange.
But the network was not to be run from the top down. There was to be no controlling center, no capital, no establishment for the self-perpetuating machinery of bureaucracy and the dominance drive of individuals seeking to become captains, bosses, chiefs of state.

Ursula K. Le Guin, The Dispossessed

 

Vassily_Kandinsky,_1923_-_Circles_in_a_Circle                                                                                                                                                                                                          Wassily Kandinsky, Circles in a Circle, 1923

 

La decentralizzazione è stato un elemento essenziale del piano di Odo per la società che lei stessa non ha potuto vedere in atto. Non aveva alcuna intenzione di de-urbanizzare la civiltà. Ciò nonostante suggeriva che il limite naturale alle dimensioni di una comunità dovesse dipendere dalla regione circostante per il fabbisogno di cibo ed energia, che tutte le comunità fossero connesse da reti di comunicazione e trasporto, affinchè i beni e le idee potessero arrivare ovunque, e a nessuna comunità fosse precluso lo scambio e l’interscambio.
La rete però non avrebbe dovuto funzionare con un intervento dall’alto. Non ci sarebbero stati centri di controllo, capitali, nessuna autoreferenziale macchina burocratica e nessuna spinta individuale dominatrice verso posizioni di generale, capo, o primo ministro.