philip-larkin-outside-hul-0021Uno sguardo retrospettivo di Philip Larkin, poeta e narratore britannico, su quanto resta dopo una partenza, descritta non dal punto di vista di chi parte, ma di chi rimane.

A look of Philip Larkin, British poet and novelist, on what remains after our departure, departure not described from the point of view of those who leave, but of those who remain.


Home is so sad. It stays as it was left,
Shaped to the comfort of the last to go
As if to win them back. Instead, bereft
Of anyone to please, it withers so,
Having no heart to put aside the theft

And turn again to what it started as,
A joyous shot at how things ought to be,
Long fallen wide. You can see how it was:
Look at the pictures and the cutlery.
The music in the piano stool. That vase.

Philip Arthur Larkin


La casa è così triste. Se ne sta come l’hanno lasciata,
ordinata per l’agio degli ultimi
come per riconquistarli. Invece, priva
di qualcuno a cui piacere, appassisce,
non avendo cuore di dimenticare il furto

e di voltarsi ancora verso ciò che è cominciato
con un’occhiata gioiosa a come
sarebbero potute essere le cose,
speranze a lungo disattese. Potete vedere com’era:
Guardate i quadri e le posate.
Gli spartiti sullo sgabello del piano. Quel vaso.