Ignazio Buttitta nasce a Bagheria nel 1899, muore ad Aspra, frazione di Bagheria, il 5 aprile del 1997. Ha vissuto di mille mestieri attraverso il primo conflitto mondiale, l’avvento del fascismo – del quale fu fiero oppositore – la seconda guerra mondiale, l’invasione della Sicilia da parte degli statunitensi, il dilagare del potere democristiano/mafioso.  Fu poeta e cantore orale del dialetto siciliano non per caso, ma per volontà ostinata di difendere non solo una tradizione, ma un’identità: “Un populu,/ diventa poviru e servu,/ quannu ci arrubbanu a lingua/ addutata di patri:/ è persu pi sempri.// Diventu poviru e servu,/ quannu i paroli non figghianu paroli/ e si mancianu tra d’iddi” (‘Lingua e Dialetto’, gennaio 1970)

IGNAZIO-BUTTITTA-ROCCAMENA-19631Ignazio Buttitta was born in Bagheria in 1899,  and died in Aspra , hamlet of Bagheria, in 5 April 1997. He played a thousand trades through First World War , rise of fascism – of which he was fierce opponent – Second World War, invasion of Sicily by the americans, spread of Christian Democrat-Mafioso power. He was a poet and an oral bard of sicilian dialect not by chance, but for stubborn will to defend not only a tradition, but an identity: “A People, become impoverished and servile,/when taken from them the language /endowed by their fathers:/is lost forever.//They become impoverished and servile,/ when their words don’t generate words/ and they canabalize themselves” (‘Language and dialect’, January 1970).


A sittant’anni e doppu
mentri cala u sipariu
e accurza a vista,
l’omu leggi dui Nuvembri
nto calannariu di l’occhi.

Ma stamatina,
senza grazia accanzata,
io leggiu Pasqua e risurrezioni;
e viu davanti a mia
u tempu longu,
i strati aperti,
u celu nettu
e senza trona chi scàttanu.

E diri ca c’è a guerra,
a caristia,
e populi pronti a scannarisi.

E diri c’haiu a carni scurciata,
i pedi spinati,
e u cori
chi si jinchi e svacanta ogni ghiornu;
e c’haiu vogghia d’erba
e di pani càudu
e di vucchi e d’occhi chi vàgnanu
e scippanu i siccumi du cori.

D’unni veni sta luci
ca m’illumina l’occhi
e mi fa vìdiri u lustru nto scuru,
u celu nte funnali
e a gioia lùciri nte lacrimi?

Cu sfardò i negghi
ca chiòvinu sangu
e mi fa vìdiri u munnu rinasciri,
a terra allungarisi,
e u celu gràpirisi
e tràsiri nta àutri celi?

Cu mi fa vìdiri
i muntagni vivi,
l’arbuli additta
e u suli ca i vesti
e u ventu c’arrimina e ci parra?

Non è a puisia;
a puisia adduma e s’astuta,
affunna nterra e mori,
acchiana ncelu e cadi:
havi l’ali di pagghia.

Zocch’è e pirchì,
guardu a campagna e ciurisci cu mia,
guardu u mari e mi pari u me lettu,
guardu u celu e ci trasu cu cori?

Zocch’è e pirchì
io sugnu sulu
e viu genti e banneri
e òmini d’ogni lingua
e mi sentu carni ncurpurata
e ciumi nte ciumira?

Zocch’è e pirchì
mi sentu natura
chi mori e rinasci
ed haiu i carni tènniri?
Stamatina addivintavu omu.

Ignazio Buttitta


Il tempo lungo

A settant’anni e più
mentre cala il sipario
e si accorcia la vista,
l’uomo legge due Novembre
nel calendario degli occhi.

Ma stamattina,
senza grazia guadagnata,
io leggo Pasqua e Risurrezione;
e vedo innanzi a me
il tempo lungo,
le strade aperte,
il cielo terso
e senza tuoni che scoppiano.

E dire che c’è la guerra,
la carestia,
e popoli pronti a distruggersi.

E dire che ho la carne scorticata
i piedi con le spine
e il cuore
che si riempie e si svuota ogni giorno;
e che ho voglia d’erba
e pane caldo
e di bocche e di occhi che bagnano
e strappano l’erba secca dal cuore.

Da dove viene questa luce
che mi illumina gli occhi
e mi fa vedere il chiarore nel buio
il cielo nei fondali
e la gioia risplendere nel pianto?

Chi squarciò le nebbie
che piovono sangue
e mi fa vedere il mondo rinascere
la terra allungarsi,
il cielo aprirsi
ed entrare in altri cieli?

Chi mi fa vedere
le montagne vive,
gli alberi in piedi
e il sole che li veste
il vento che li scuote e gli parla?

Non è la poesia;
la poesia divampa e si spegne,
cade in terra e muore,
sale in celo e cade:
ha le ali di paglia.

Ciò ch’è e perché,
guardo la campagna e fiorisce con me,
guardo il mare e mi sembra il mio letto,
guardo il cielo e ci entro col cuore?

Ciò ch’è e perché,
sono solo
e vedo gente e bandiere
e uomini d’ogni lingua
e mi sento carne incorporata
e fiume nelle fiumane?

Ciò ch’è e perché,
mi sento natura
che muore e rinasce
e ho la carne tenera?
Stamattina sono diventato uomo.


The long time

At seventy and beyond
as the curtain falls
and eyesight reduces,
man reads two November
in calendar eye.

But this morning
with no grace earned
I read Easter and Resurrection;
and I see ahead of me
the long time,
open streets,
clear sky without
thunders rumbling.

To think that there is war,
famine,
and people ready to destroy themselves.

To think that I’ve flayed flesh
thorns on foots
and heart
refilling and emptying every day;
and that I desire grass
and warm bread,
mouths and eyes that wet
and tear dry grass from heart.

Where does come from this light
that illuminates eyes
and makes me see bright in the dark,
sky in the abyss
and joy shine in the tears?

Who lifted the fogs
that raining blood,
who allows me to see the world reborn
the spreading earth
the opening sky
to enter in other skies?

Who allows me to see
living mountains,
standing trees
and the sun dressing them
the wind shaking and speaking to them?

It’s not poetry;
poetry fires up and dampens
falls and dies
rises in sky and drop:
it has straw wings.

What is it and why
I look at land and it blooms with me,
I look at sea and it seems my bed,
I loot at sky and I enter in it with heart?

What is it and why
I’m alone
and I see people and flags
and men of every language
and I feel myself as flesh incorporated
and river between rivers?

What is it and why
I am nature
that dies and reborns
and I’ve tender flesh?
This morning I became a man.